Helix Ultimate, la Versione Definitiva del framework di Joomshaper

Helix Ultimate logoQuella del fortunato template Helix di Joomshaper potrebbe oramai essere definita quasi come una vera e propria "saga", una saga la cui storia ha inizio nel lontano 2011 quando, il 22 aprile di quell'anno, fu rilasciata la prima versione del framework.

Due anni dopo, 9 febbraio 2013, esce Helix II, una release di grande successo come testimoniano gli 820003 download, e l'ultimo aggiornamento che risale al non lontanissimo aprile 2017.

Con rigorosa cadenza biennale esce l'apprezzatissimo ed utilizzatissimo Helix3 (8 febbraio 2015), che bissa, con i suoi 800.000 e più download, il successo della versione precedente.

Stando alla roadmap di Joomshaper l'ultima versione di Helix, la Ultimate, avrebbe potuto rispettare il ciclo biennale, ma a causa di ritardi dovuti anche all'implementazione di Bootstrap 4 (la cui versione stabile è stata rilasciata solamente a gennaio 2018), la "stable version" è uscita l'1 marzo 2018.

A quanto scrivono sul blog di Joomshaper questa non è solo l'ultima versione in ordine di tempo di Helix, ma con tutta probabilità dopo la Ultimate non ci saranno altre release di Helix, in attesa degli sviluppi e delle scelte dei programmatori di Joomshaper che seguiranno l'uscita dell'attesa versione stabile di Joomla 4.

La scelta del nome poi, senza volerci avventurare in ardite interpretazioni del lemma anglo-americano, appare significativa, dato che tra le possibili traduzioni di Ultimate troviamo, accanto a "definitivo", anche "ultimo", "finale", "massimo", "supremo", e ci fermiamo qui... Come dire che questa versione è nello stesso tempo punto di arrivo e massima espressione del framework Helix.

In realtà, chiudendo questa breve introduzione, per un po' di tempo sul sito ufficiale si era parlato anche di un Helix4 che poteva essere la release da "affiancare" a Joomla 4, ma già verso la fine del 2017, quando si preannunciava l'imminente uscita della versione alfa dell'Ultimate, era chiaro che non ci sarebbe mai stato un Helix4.

Quest'articolo non vuole essere una guida dettagliata e minuziosa su tutti gli aspetti e le possibilità del framework, ma intende piuttosto soffermarsi su alcune caratteristiche che lo differenziano nettamente dal suo predecessore, a partire dall'interfaccia del backend del template che appare ora completamente rinnovata.

L'accesso al backend e le opzioni del template

Backend accesso helix ultimateDiversamente dai suoi predecessori, l'accesso al backend mostra in prima battuta una schermata analoga a quella degli altri moduli di Joomla, schermata che propone due tab: dal tab Dettagli si ha accesso alle abituali opzioni di configurazione, mentre dal tab Assegnazione menu si possono selezionare i menu o le singole voci da associare al template o alle sue copie (cosa che in precedenza avveniva tramite una delle voci del menu opzioni del template stesso).

La vera novità compare una volta effettuato l'accesso alle opzioni di configurazione: il menu si trova ora in una colonna a sinistra (colonna che non è modificabile in larghezza) e la gran parte della schermata è occupata dall'area di anteprima del sito, un po' come accade utilizzando con lo strumento ThemeMagic del template Purity III basato sul T3 Framework di Joomlart.

Vale la pena spendere qui due parole su questa rilevante modifica che non solo innova il consueto aspetto del backend di Helix, ma che aggiunge la possibilità di poter testare e verificare immediatamente tutte le modifiche apportate al sito, senza per questo dover accedere al frontend.

Va detto che fin dall'uscita delle prime release nella fase di sviluppo di Helix Ultimate, i commenti dei tanti utilizzatori del framework di Joomshaper non erano sempre favorevoli, in parte per l'allora ancora immatura implementazione della funzionalità, ma anche perché più di qualcuno sollevava dubbi e manifestava perplessità sull'effettiva utilità e funzionalità pratica di questa feature.

Ultimate options thumbsDopo averla testata abbastanza approfonditamente posso dire che l'anteprima funziona molto bene, è efficace e di certo può essere un aiuto prezioso anche se, ad alcuni, potrebbe risultare niente affatto indispensabile.

In ogni caso questa nuova funzionalità del framework Helix appare anche più utile e completa di quella disponibile nel ThemeMagic di Purity III, in quanto, rispetto a quest'ultimo, permette di visualizzare le modifiche di tutte le opzioni del template accessibili dal backend, come non accade nel T3 Framework.

Per chiudere l'argomento devo necessariamente rilevare e sottolineare che questa comoda funzionalità soffre di una mancanza che in molte situazioni può risultare davvero fastidiosa: la schermata con l'anteprima del sito mostra le modifiche effettuate solo dopo aver salvato la nuova configurazione, mentre sarebbe stato più opportuno implementare una funzione di sola preview, come quella disponibile nel T3 Framework.

La situazione tipica è questa: apporto molte modifiche e salvo la configurazione per poterne osservare il risultato nel frontend; se a questo punto mi trovassi nella situazione di voler ritornare sui miei passi ripristinando la situazione precedente, non avrei altra via che ripristinarle tutte una ad una e poi, nuovamente, risalvare la configurazione così ripristinata...

Va da sé che il tutto risulta essere un po' macchinoso e, anche se in realtà non limita le possibilità operative del nuovo backend di Helix Ultimate, direi una preview al volo potrebbe davvero essere una feature da inserire nella prossima versione del template.

Il Layout Builder

Il nuovo Mega Menu